WWW.VACANZE-UGENTO.COM offre soluzioni abitative per vacanze ad Ugento, Torre San Giovanni, Torre Mozza, Lido Marini, Torre Pali, Pescoluse, Torre Vado e marina di Alliste. Su Vacanze-Ugento.com troverete APPARTAMENTI e CASE per VACANZE, dislocate nella marina di Ugento e in località limitrofe; BED AND BREAKFAST, cioè camere con servizio di pernottamento e prima colazione; MASSERIE che oggi, opportunamente ristrutturate, sono veri e propri hotel di lusso e residence di charme; VILLE e VILLETTE con parco o giardino, situate in campagna o con vista panoramica sul mare; RESIDENCE, cioè complessi di alloggi (appartamenti monolocali, bilocali o trilocali) con le caratteristiche di normali abitazioni, spesso dotati di piscina, campi da tennis, campi da calcio; VILLAGGI, costituiti da appartamenti o camere con strutture per il tempo libero e lo sport, come centri benessere, palestre, piscine, campi da gioco, mini club, junior club; HOTEL & RESORT spesso dotati di spa, sale-convegni.

Homepage | Chi siamo | Informazioni Legali | Privacy | Mappa del sito | Contatti

Cerca hotel

Data check-in
 
Data check-out
 
 
RICERCA PER TIPOLOGIA

» Appartamenti

» Case Vacanza

» Bed & Breakfast

» Masserie

» Ville e Villette

» Residence & Villaggi

» Hotel & Resort

» Ville Lusso Dimore Charme

» Camping e soste camper

 
Vacanze ad Ugento

LA ZECCA DI UGENTO

Alcune monete della Zecca di Ugento appartenenti alla collezione Colosso


Ugento fu tra le pochissime città che possedeva una propria zecca. Si coniavano qui solo monete di bronzo, le più antiche delle quali (quelle recanti l’iscrizione Aozan) risalgono al III secolo a.C. e rappresentano le divinità adorate dagli ugentini o, più raramente, gli elementi alla base dell’economia locale, come vasi, capre, spighe di grano.
Le monete coniate ad Ugento sono state sommariamente suddivise in quattro tipologie. La prima presenta sul diritto una testa gianiforme, cioè bifronte, calzata da un elmo. Sul rovescio reca invece l’effigie di Ercole appoggiato col braccio destro ad una clava e che regge sul braccio sinistro le spoglie del leone di Nemeo e la cornucopia, simbolo di abbondanza e prosperità. Alla destra dell’eroe la dea della Vittoria, Nike, lo incorona. A sinistra è presente la legenda Ozan.
Nella seconda tipologia di monete, sul diritto è effigiata la testa di Atena con un elmo corinzio ed in basso una S che probabilmente ne esprimeva il valore. Il rovescio della medaglia è uguale a quello della prima tipologia.
Un terzo tipo di monete è identico al precedente, tranne che per la presenza del dittongo “AO” nella legenda.
L’ultima tipologia presenta sul diritto un’aquila in volo che stringe tra gli artigli un fulmine, il simbolo di Zeus; sul rovescio è raffigurata un’anfora. In corrispondenza della sua base ci sono una o due stelle ad otto punte, sovrastate dalla legenda.
L’esistenza della zecca ad Ugento testimonia l’importanza che il centro rivestiva in epoca romana quando, grazie anche ai traffici commerciali favoriti dalla presenza del porto e allo status di città federata, essa visse un periodo di floridezza e grande benessere economico.
Ma nell’88 a.C., al termine della guerra sociale, tutto il Salento fu assorbito nell’orbita romana e, con la concessione della cittadinanza a tutti gli alleati, Ugento divenne municipio. Ciò implicava la creazione di magistrature sul modello di quelle romane, con poteri giurisdizionali, sull’edilizia, sul commercio e sull’amministrazione finanziaria. Dalle magistrature erano esclusi i ceti meno abbienti, che mal vedevano gli aristocratici chiamati a Ugento da Roma per garantire il nuovo ordine. Per motivi fiscali e per un miglior controllo delle proprietà da tassare, Augusto divise il regno in undici regioni. Tutto il Salento, quindi anche Ugento, furono vessati economicamente. I grandi latifondi, prima proprietà di pochi possidenti locali, passarono progressivamente nelle mani dei romani, che sfruttavano gli schiavi nella coltivazione dei campi e nelle attività artigianali. Iniziò così il progressivo decadimento, soprattutto culturale, di Ugento, come testimonia la scomparsa delle iscrizioni messapiche nella città. Le poche iscrizioni rinvenute di quell’epoca sono in latino ed attengono ad epigrafi mortuarie.
Le monete del I e II secolo d.C. sono ormai solo di origine romana, come si evince dalle effigi degli imperatori raffigurate su di esse. Si era armai compiuta la definitiva romanizzazione di Ozan.
Anche in quest’epoca, però, Ugento continuò ad essere una florida città grazie alla fitta rete di scambi commerciali, incrementata dalla creazione di una più efficiente rete stradale. Traiano, nel I secolo d.C., dispose il rifacimento della vecchia via Sallentina, che congiungeva Taranto ad Otranto, collegando così gli antichi centri messapici.

 


Il tracciato della via Traiana è descritto nella carta peutingeriana, una mappa che mostrava le vie militari dell’Impero, in cui è segnata anche la distanza tra le diverse città.
Ugento è qui indicata con il nome di “Uhintum”, ma gli studiosi lo hanno ritenuto un errore e hanno corretto la “h” in “z”.
La strada già esistente fu acciottolata e provvista di pietre miliari e di mansiones, cioè stazioni per la sosta ed il ristoro. Ugento fu così collegata alla via Appia e ciò diede nuovo impulso al commercio dei prodotti artigianali.
Non distante dalla via Traiana si trovava, secondo i costumi romani, un teatro, probabilmente ubicato nei pressi del pozzo “Porchiano”.
Il pozzo, dal quale la contrada prende il nome, assieme a quello detto “Nicodemo”, ha fornito acqua potabile alla popolazione dall’antichità fino a pochi decenni fa. Esso è collocato nei pressi della “Cupa di Porchiano”, un'estesa depressione del terreno, di forma rettangolare, che costituiva probabilmente il sito naturale dell’antico teatro. È possibile che nello stesso luogo, a ridosso della piazza più grande della città, sorgesse anche un antichissimo teatro messapico, ma l’ipotesi non è ancora stata verificata.
Il ritrovamento di rocchi di colonne e di cornici fa ritenere possibile, inoltre, l’esistenza di un anfiteatro nei pressi della località “Armino”. Il toponimo Armino deriva da “piazza d’armi”. Sul posto sono state infatti rinvenute armi ed elmi e la larga spianata rettangolare che caratterizzava il luogo ben si prestava alle esercitazioni dei soldati.
Dopo la caduta dell’Impero romano la città, grazie al fiorente commercio, conservò la sua importanza, come è testimoniato dalla circolazione della moneta bizantina, che sostituì quella romana. Ma con le prime invasioni barbariche la storia di Ugento voltò drammaticamente pagina: la città conobbe secoli bui e un progressivo decadimento, che nel Medioevo la precipitò nell’anonimato, tanto che, nel 1511, il Galateo la definì urbecola.

INFORMAZIONI TURISTICHE

» Informazioni su Ugento
Le testimonianze preistoriche
Il nome e le origini messapiche
La civiltà messapica ugentina
La Tomba dell'altleta
Lo Zeus stilita di Ugento
La Zecca di Ugento
Ugento in epoca romana
Ugento nel Medioevo
Ugento nel periodo feudale
La Famiglia D'Amore
Ugento tra il XIX e il XX Secolo
Il castello di Ugento
Museo di archeologia
La Collezione Colosso
Il Museo Diocesano
La Cattedrale
La Cripta del Crocefisso

» Frazioni e Marine Di Ugento

Torre San Giovanni
Torre Mozza
Lido Marini
Gemini

RICERCA PER LOCALITÀ

» Torre San Giovanni

Appartamenti e Case Vacanza

Villaggi e Residence

Hotel & Resort

» Torre Mozza
Appartamenti e Case Vacanza
Villaggi e Residence
Hotel & Resort

» Lido Marini
Appartamenti e Case Vacanza
Villaggi e Residence
Hotel & Resort

» Torre Pali

» Marina di Pescoluse

» Torre Vado

» Marina di Alliste

» Ugento

» Casarano

» Specchia

 
OFFERTE SPECIALI

 
Informazioni su Ugento

Itinerari

Galleria Fotografica

Numeri Utili

Musei

Ristoranti e Pizzerie

Bar e Locali Notturni

Stabilimenti Balneari

Autonoleggio

 

Vacanze-ugento.com è un sito di pubblicità e promozione turistica utile a tutti coloro che intendono trascorrere le proprie vacanze: INFORMAZIONI TURISTICHE su UGENTO ed INFORMAZIONI TURISTICHE su: Torre San Giovanni, Torre Mozza, Lido Marini, Torre Pali, Marina di Pescoluse, Torre Vado e Marina di Alliste.
La sezione INFORMAZIONI TURISTICHE fornisce informazioni per conoscere le tradizioni, la cultura, le feste e le usanze di Ugento.

Homepage | Chi siamo | Informazioni Legali | Privacy | Mappa del sito | Contatti

© 2009-2017 Copyright Kalòs ìrtate - E' vietata la riproduzione
 Kalòs ìrtate Agenzia di promozione turistica e di pubblicità in internet – Via Mazzini, 88/A – 73025 Martano (Lecce)
 P.I.: 03401370758
www.vacanze-ugento.com - Tel. 0836/571704 - Cell. 338/3285423 - info@invacanzanelsalento.com